Parlo Italiano...

...E LO SCRIVO, LO LEGGO, LO SMONTO....E LO RIMONTO!

lunedì 25 agosto 2014

LIS in tour in Giappone!!!


In occasione del viaggio in Giappone della nostra insegnante/collaboratrice e soprattutto cara amica Lorenza (sì, proprio la Lorenza della scuola di italiano online L'Italiano da Lontano) che ha visitato le nostre scuole-partner nel Paese del Sol Levante, siamo stati ospiti della scuola di lingua italiana Ciao - Italiago (ecco il link http://www.italiago.com/, se volete farci un giro). Come al solito il Signor Kimura, direttore della scuola e profondo conoscitore della lingua italiana, ci ha riservato un'accoglienza nel più puro stile giapponese, perfettamente organizzata, in un clima caldo e cordiale. Dopo uno squisito e raffinatissimo pranzo privato, durante il quale abbiamo parlato dei progetti futuri che prevedono per  LIS Lucca Italian School e Ciao Italiago una lunga e duratura collaborazione, c'è stato l'incontro con alcuni studenti che frequentano le lezioni di italiano nella scuola di Tokyo. 
All'incontro era presente anche Kimiko, la figlia del Signor Kimura, anche lei studentessa di lingua italiana, che due anni fa ha trascorso una vacanza studio a Lucca frequentando i corsi di LIS Lucca Italian School e che ha parlato dei suoi ricordi lucchesi in termini entusiastici.
L'incontro con gli studenti è avvenuto in un ristorante italiano, che ci ha servito un buon espresso e un mosaico di dolci meraviglioso (ma come fanno i giapponesi ad essere così magri? Noi stiamo ingrassando ad un ritmo preoccupante!).  La conversazione con gli studenti è stata piacevole e divertente, la passione comune per la nostra bella lingua ci ha subito uniti. Abbiamo guardato anche i due brevi video preparati da Angelo per presentare due dei nostri corsi, “Parla e Cammina” e “Parla e Cucina”. La vista delle Mura, delle Cinque Terre, ma soprattutto delle tagliatelle di Eva hanno suscitato Ooooooooh! a non finire.
Insomma, avevamo talmente tante cose da dirci che, questa volta nel più puro stile italiano, siamo andati oltre il tempo massimo a disposizione - tanto che il Signor Kimura ha dovuto richiamarci all'ordine e chiudere la sessione, che però è continuata lungo la strada: nessuno aveva voglia di tornare a casa propria!
Ci siamo lasciati con un: "Il prossimo caffè lo prendiamo insieme a Lucca!"
Ecco qualche foto dell'incontro, e sotto ci sono i video che sono stati mostrati durante questo incontro: 





Video del corso Parla e Cucina, con le magiche tagliatelle fatte dalla nostra Eva:


Video del corso Parla e Cammina, tenuto da Angelo:



English translation: 
LIS Lucca Italian School in Japan.

Our dear friend and co-worker Lorenza (yes, Lorenza from the online school L'Italiano da Lontano) is currently in Japan, and she's visiting our partner-schools in the Land of the Rising Sun. Some days ago, she was kindly received by the Italian language school Ciao - Italiago (www.italiago.com here is the link if you want to have a look). As usual, Mr. Kimura, the director of the school who has a deep knowledge of the Italian language and culture, has been really kind to her, true Japanese style, and has perfectly organized a warm and friendly meeting with our teacher. Lorenza says: “After an exquisite and refined private lunch, during which we talked about the future plans that provide for LIS Lucca Italian School and Ciao Italiago a long and lasting partnership, there was a meeting with some of the students who attend Italian lessons in the school of Tokyo.
The meeting was also attended by Kimiko, the daughter of Mr. Kimura, who studies Italian language, and who was a student herself at LIS two years ago. She spoke of his memories of Lucca in glowing terms .
The meeting with the students took place in an Italian restaurant that served us a good espresso and a mosaic of wonderful desserts (but how can the Japanese be so slim? We are gaining weight at an alarming rate). The conversation with the students was enjoyable and fun, the common passion for our beautiful language joined all of us. We also watched the two short videos prepared by Angelo to show two of the courses of LIS Lucca Italian School, “Speak and Walk” and “Speak and Cook”. The view of the Walls, the Cinque Terre, but mostly he hand-made noodles prepared by Eva aroused Ooooh! to no end.
In short, we had so many things to tell us, this time in the purest Italian style, we went over the maximum time available so that Mr. Kimura had to remind us to close the session, but we continued along the road: no one wanted to go home!
We said goodbye with a "Next time we'll have a coffee together in Lucca!"


Thanks Ciao Italiago, Thank you Mr. Kimura, and see you in Lucca!”

sabato 2 agosto 2014

SULLE MURA CON..........JONA
Nebbia.......pioggerellina......e a passo veloce mi ritrovo davanti ad una costruzione quasi spettrale. Un po' diroccata, con un'aria sinistra, gli alti pozzi davanti all'ingresso, i muri coperti di rampicanti......questa è la famigerata " casa del boia "!

due foto della casa del boia prima del restauro


Novembre 2012. La foschia, la fredda brezza mattutina, fa presagire qualcosa di misterioso.
Sono passati 165 anni da quando i lucchesi bruciarono la ghigliottina e buttarono la lama nel mare di Viareggio.
Lucca, Repubblica Aristocratica, non è mai stata assetata di vendetta, e la pena di morte non fu mai amata dai lucchesi, per cui  il boia veniva "affittato" dalla città di Pisa.
Solo quando Lucca passò sotto il dominio di Napoleone, con sua sorella Elisa come reggente, venne ripristinata in città la pena di morte. Ma della figura del boia i lucchesi non ne volevano sentir parlare, e così venne chiamato a fare questo particolare mestiere un tale Tommaso Jona, da Roma, e gli venne concessa quella casa come abitazione.
Il suo lavoro qui a Lucca non fu per niente faticoso; infatti, non eseguì mai una condanna e quando, nel 1845, furono fissate cinque esecuzioni, ormai era troppo vecchio e fu sostituito per l'occasione da un altro boia di Parma.
Sole.....frescura mattutina....e a passo veloce mi trovo davanti ad una solare, pacifica costruzione: la nuova "casa del boia".
due immagini dell'edificio restaurato


Luglio 2014. Il sentimento che provo davanti a questo edificio, è curiosità, fascino.....e, se prima tutti ci giravamo alla larga, ora io per prima vorrei entrare e lasciarmi avvolgere da questa atmosfera fantastica.
Dopo tanti anni, questo edificio sarà finalmente destinato ad ospitare visitatori amanti dell'arte e del passato....... Addio Jona!!! .....ora la tua casa è nostra!!!



il cartello dei lavori


la festa dell'inaugurazione

English version:

ON THE WALLS WITH .......... JONA
Walking at brisk pace through mist and drizzle, I find myself in front of a ghostly building . A bit of a ruin, looking sinister, deep wells in front of the entrance, its walls covered with creepers ...... this is the infamous "executioner's house"!
November 2012. The fog and the cold morning breeze convey a presentiment of mystery.
It's been 165 years since the people of Lucca burned the guillotine and threw its blade into the sea of Viareggio.
The Aristocratic Republic of Lucca had never been thirsty for vengeance and the death penalty was not liked by the Lucchesi, so the executioner was hired from the city of Pisa.
Only when the city fell under Napoleon, his sister Elisa as his deputy, the death penalty was restored . But the Lucchese did not want to hear about the figure of the executioner, so they hired Tommaso Jona, from Rome, and he was given that house as his residence.
His work was not particularly hard as he never executed a sentence and when in 1845 five executions were fixed, he was too old for the job and was replaced by another man from Parma.
Sun ....and the cool of the morning .... at brisk pace I find myself in front of a solar and peaceful building: the new "executioner's house"
July 2014. Standing in front of this building I feel curiosity and enchantment ..... and if before we all  kept off it , now I myself would like to get in first and be wrapped in this fantastic atmosphere.

After so many years, this building will finally be assigned to welcome visitors and lovers of art and of the past ....... Goodbye Jona! Now your house is ours!