Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2014

LIS in tour in Giappone!!!

Immagine
In occasione del viaggio in Giappone della nostra insegnante/collaboratrice e soprattutto cara amica Lorenza (sì, proprio la Lorenza della scuola di italiano online L'Italiano da Lontano) che ha visitato le nostre scuole-partner nel Paese del Sol Levante, siamo stati ospiti della scuola di lingua italiana Ciao - Italiago (ecco il link http://www.italiago.com/, se volete farci un giro). Come al solito il Signor Kimura, direttore della scuola e profondo conoscitore della lingua italiana, ci ha riservato un'accoglienza nel più puro stile giapponese, perfettamente organizzata, in un clima caldo e cordiale. Dopo uno squisito e raffinatissimo pranzo privato, durante il quale abbiamo parlato dei progetti futuri che prevedono per  LIS Lucca Italian School e Ciao Italiago una lunga e duratura collaborazione, c'è stato l'incontro con alcuni studenti che frequentano le lezioni di italiano nella scuola di Tokyo.  All'incontro era presente anche Kimiko, la figlia del Signor Ki…
Immagine
SULLE MURA CON..........JONA Nebbia.......pioggerellina......e a passo veloce mi ritrovo davanti ad una costruzione quasi spettrale. Un po' diroccata, con un'aria sinistra, gli alti pozzi davanti all'ingresso, i muri coperti di rampicanti......questa è la famigerata " casa del boia "!


Novembre 2012. La foschia, la fredda brezza mattutina, fa presagire qualcosa di misterioso. Sono passati 165 anni da quando i lucchesi bruciarono la ghigliottina e buttarono la lama nel mare di Viareggio. Lucca, Repubblica Aristocratica, non è mai stata assetata di vendetta, e la pena di morte non fu mai amata dai lucchesi, per cui  il boia veniva "affittato" dalla città di Pisa. Solo quando Lucca passò sotto il dominio di Napoleone, con sua sorella Elisa come reggente, venne ripristinata in città la pena di morte. Ma della figura del boia i lucchesi non ne volevano sentir parlare, e così venne chiamato a fare questo particolare mestiere un tale Tommaso Jona, da Roma, e gli v…