Parlo Italiano...

...E LO SCRIVO, LO LEGGO, LO SMONTO....E LO RIMONTO!

martedì 18 febbraio 2014

LA CANZONE DEL PONTE DEL DIAVOLO

con i nostri studenti in visita al Ponte del Diavolo
Un giovane cantautore lucchese, Joe Natta, che normalmente scrive canzoni comico-demenziali con un linguaggio esplicito e colorito, nel suo ultimo lavoro ha voluto rendere omaggio alla tradizione del nostro territorio con una serie di canzoni dedicate alle leggende e ai loro personaggi della città e della Valle del Serchio.
Ascoltarlo è stata per noi una piacevole sorpresa: infatti alcuni dei suoi personaggi sono quelli che raccontiamo ai nostri studenti nelle attività culturali dei nostri corsi di lingua italiana. Quindi lo ringraziamo di cuore per questo contributo che vogliamo condividere con i nostri studenti e i lettori del nostro blog.
Una delle canzoni che più ci è piaciuta è quella dedicata alla leggenda del Ponte del Diavolo, che si trova a Borgo a Mozzano nella Media Valle del Serchio, un bellissimo e antico ponte costruito nel medioevo con l'aiuto del diavolo, così narra la leggenda. 
Ecco il testo della canzone di Joe Natta:
Il capomastro non riusciva a completare quel ponte che i due borghi del paese avrebbe unito oltre il fiume. Nonostante lavorasse giorno e notte non lo avrebbe mai finito nei tempi stabiliti dal contratto stipulato
Ma ecco apparire il diavolo che lo rassicura subito: il ponte lo costruisco io. Stanotte non c'è ma domattina ci sarà, e come pagamento mi accontenterò della prima anima che lo attraverserà
Il capomastro decise di accettare quel patto e il giorno dopo il ponte se ne stava lì bello finito. A questo punto però rimaneva la questione più importante e più spinosa ovvero togliersi di torno quel demonio!
Infatti verso il tramonto ritornò puntuale per il suo credito, ma il suo beffardo ghigno presto scomparì, quando vide un maiale che stava lì e piano piano tutto il ponte attraversò e quella fu la prima anima che gli toccò
Il diavolo abbindolato si imbestialì e nelle acque del Serchio scomparì. Però il suo ponte così bello quanto strano puoi vederlo ancora oggi a Borgo a Mozzano
La copertina dell'album - The album cover



clicca il link per ascoltare la canzone: "Il Ponte del Diavolo"


English translation
A young lucchese singer-songwriter, Joe Natta, who usually writes comic and crazy songs using a colourful and explicit language, with his latest work made a tribute to the traditions of our community with a series of songs dedicated to the legends and their characters in the city of Lucca and the Serchio valley.
We were very surprised and pleased to listen to him: some of his characters are in fact the same we use to tell our students in the cultural activities of our italian language courses.
We wish therefore to thank him very much for his contribution, which we are pleased to share with our students and blog readers.
One of the songs we like best is that on the legend of the Devil's Bridge, located in the town of Borgo a Mozzano in the Middle Serchio Valley, an ancient and beautiful bridge built in the Middle Ages with the help of the devil (at least according to the legend)



Here are the lyrics of the song by Joe Natta:
The master builder could not finish that bridge which would unite the two villages beyond the river
For all he worked day and night he would not have completed it within the deadline set by the contract but suddenly the devil appeared and reassured him: “I will build the bridge! Tonight it is not there but tomorrow it will be. And as for payment I will be satisfied with the first soul that will be crossing it"
The master builder decided to accept the deal and the next day the bridge was ready and finished.
At this point there remained the most important and awkward matter, that is how to get rid of that demon.
In fact at sunset he punctually came back to collect his credit, but his mocking satanic sneer soon ceased when he saw a pig standing there and slowly crossing the bridge: that was the soul he was entitled to seize!

The devil, bamboozled,  was greatly enraged and sank into the waters of the Serchio river, but his bridge, as beautiful as it is weird, can still be seen today in Borgo a Mozzano.


         
   
  
click this link to listen to the song: "Il Ponte del Diavolo"




Nessun commento:

Posta un commento